Venezia, il mito in 140 opere

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

L’arte e il mito di Venezia raccontato attraverso 140 straordinari disegni provenienti da una delle più importanti collezioni internazionali, la National Gallery of Art di Washington: è la grande mostra che si apre al Museo Correr il 6 dicembre, intitolata “La poesia della luce“. La mostra ripercorre un arco di tempo che va dalla prima Rinascenza al XIX secolo, scoprendo la fortuna della città lagunare, fonte ispiratrice di generazioni di indiscussi maestri. Fra questi Mantenga, Bellini, Giorgione, Tiziano, Veronese, Tiepolo, Piazzetta e Canaletto, ma anche gli artisti stranieri che rimasero soggiogati dalle suggestioni veneziane come Callow o Sargent. Curatore della mostra Andrew Robison, Senior Curator del dipartimento di disegni e stampe del museo americano, che ha operato una raffinata selezione di capolavori che, per la loro estrema fragilità, vengono concessi in prestito molto raramente.

Venezia raffigurata dunque nel suo mito perenne, che vede consolidarsi nei suoi confini una tradizione pittorica senza pari che diviene al tempo stesso soggetto ispiratore, in grado di attrarre nei secoli la sensibilità degli artisti più grandi. Le opere di Giambattista Tiepolo esposte sono ben dodici: una selezione imponente che copre quasi tutto l’arco cronologico della sua attività documentando ogni aspetto della sua produzione grafica, dagli studi compositivi a penna al nudo, dalle caricature ai paesaggi. Bellissime le viste di canali, lagune e palazzi realizzate dai protagonisti del vedutismo veneziano quali Francesco Guardi, Bernardo Bellotto e Canaletto, qui presente con due disegni della serie dei Fasti dogali. E non manca Giovanni Battista Piranesi, di cui la National Gallery of Art di Washington possiede una delle collezioni più importanti al mondo. Il percorso si conclude con alcuni suggestivi disegni di James McNeill Whistler e di John Singer Sargent, dove la stessa luce si fa poesia. La loro opera contribuì a consolidare il mito di Venezia e a costruire l’immaginario romantico della città sulla laguna

Tags: ,

Leggi anche questo