Carceri, proposta contro la “barbarie”

“Per un po’ di amore in più nelle carceri”: questo il titolo del manifesto per rendere le carceri più vivibili presentato, nel corso di un incontro nella casa di reclusione di Padova, dall’associazione ‘Ristretti Orizzonti’. Tra le proposte – mirate alla costruzione di una proposta di legge – c’è la liberalizzazione delle telefonate ai familiari (ad oggi limitata a 10 minuti alla settimana) e la possibilità di cumulare le sei ore di visita concessi al mese.

«Ci sono figli che raccontano che non pensavano che il proprio padre potesse camminare visto che l’hanno visto sempre seduto dietro ad un vetro – ha spiegato Ornella Favero, direttrice di ‘Ristretti Orizzonti’ – sono situazioni assurde e barbare. La nostra proposta prevede delle piccole grandi cose che potrebbero prevenire anche molti dei suicidi che ogni anno avvengono. E’ assurdo per esempio che si possa avere solo dieci minuti di telefonata alla settimana e, per esempio, che se dopo quattro tentativi nessuno risponde si perda il diritto a sentire i propri figli o la propria moglie».

Tags:

Leggi anche questo