Treviso, “sfera Benetton”: petizione anti-luminarie

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Lo scultore Romano Abate, insieme ad altri artisti, docenti ed esperti d’arte, ha inviato una richiesta al sindaco di Treviso, Giovanni Manildo e all’assessore Franchin con cui si chiede di non accendere la sfera di Toni Benetton con le luminarie di Natale. I firmatari della petizione accusano di «assoluta mancanza di rispetto per un’opera d’arte di assoluto valore» che il creatore «aveva pensato a sé stante, senza alcun tipo di decorazione».

Curiosamente, la petizione arriva a Cà Sugana contemporaneamente alla richiesta dell’associazione Porta Altinia, che raccoglie i commercianti della zona, e chiedeva al contrario di ripetere l’esperimento dello scorso anno, cioè di decorare completamente la struttura. L’associazione dei commercianti ha allegato alla sua richiesta ben 500 firme, contro le 50 raccolte.

Il dibattito è aperto, e se lo scultore Abate, con i sottoscrittori del documento «antiluminarie» sulla sfera, ne fa prima di ogni altra valutazione una questione di principio e di correttezza: «si deve partire, in casi come questi, da un principio fondamentale: quella sfera è un’opera d’arte, che va rispettata. Non si è mai visto al mondo che opere d’arte vengano utilizzate per altri scopi, snaturandole»; l’associazione commercianti, i cittadini della zona e anche qualche turista non vogliono rinunciare a quelle decorazioni e luminarie.

Tags: ,

Leggi anche questo