Innovazione culturale, Convivio a Cà Erizzo

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Ancora una volta il connubio cultura e impresa ha sprigionato la scintilla della passione verso il territorio e in una cornice da capogiro il ConvivioItalia ha catalizzato associazioni, imprenditori e mecenati attorno al tavolo dell’innovazione. I temi come sempre sono il frutto di quanto il territorio produce, da tutti i punti di vista e l’altra sera nelle meravigliose sale che ci hanno accolto si è snodato un percorso affascinante.

Ad accoglierci la Fondazione Luca, che ci ha presentato l’ultima perla del territorio Bassanese, il Museo dedicato ad Ernest Hemingway, il famosissimo scrittore premio Nobel che ha soggiornato in villa durante la prima guerra mondiale e dove ha coltivato la passione per il territorio veneto e ha fatto fiorire il suo talento letterario.

Le oltre cento persone presenti intrattenute dai ricchi prodotti del territorio, tutti sapientemente miscelati in un menù caro allo scrittore, hanno potuto confrontarsi e apprendere di tante attività presenti e gestite da associazioni, che tanto profondendo passione ed energie per il bene comune.

Lorenzo Putin ha aperto i lavori annunciando la costituzione della società STARTE, nata proprio dalla spinta dei principi fondanti di ConvivioItalia, la valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico italiano attraverso la costituzione di nuove imprese: prima iniziativa di questa società sarà il Concorso biennale STARTE che si terrà a fine anno 2015 e premierà appunto le migliori idee di impresa culturale/turistica.

I “Cammini Veneti” promotori della stupenda passeggiata denominata “Cammino Fogazzaro Roi” che si snoda per una ottantina di chilometri nella provincia di Vicenza. La proposta di Energitismo che ha parlato della bellissima iniziativa di recupero della filiera della seta, passando per il Mercatino dell’usato e dell’antichità a Piazzola sul Brenta organizzato da Piero Pin e che ando sta portando sul territorio della villa Contarini.

La vera “perla” è stata la proposta di adottare il Museo Sturm di Bassano, proposta arrivata da AreaArte di Giulio Martini, creando i presupposti di collaborazione pubblico/privato, attivando o riattivando un comparto museale ora in difficoltà usando come forze attivatrici i giovani del territorio che potranno trovare in questa opportunità uno sbocco lavorativo.

Tutto questo continua a succedere grazie a ConvivioItalia e ai suoi “affezionati” che semplicemente attivano il network “positivo” che oggi più che mai ha voglia di poter incidere fattivamente sul bene comune, svincolandosi da tutte quelle “logiche” che insabbiano e ingabbiano disperdendo energie e idee invece molto attive e presenti sul territorio. Un doveroso ringraziamento alla Fondazione Luca che gestisce il museo e tiene la villa più viva che mai.

Convivio Italia
www.convivioitalia.eu

Tags:

Leggi anche questo