Venezia, Fincato (Pd): «sospendere primarie»

Laura Fincato, uno dei nomi più pesanti del Pd veneziano, chiede che le primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra vengano sospese fino a che la posizione dei deputati Michele Mognato e Davide Zoggia non venga chiarita. Sugli stessi pendono due avvisi di garanzia staccati venerdì scorso dalla Procura di Venezia nell’ambito dell’inchiesta Mose. «Si vada avanti – propone Fincato – con il programma e con le regole per le primarie ma si spostino a quando l’accertamento giudiziario in corso abbia terminato il suo iter. Lo dico perché sui contenuti e sui candidati, sulla partecipazione, pesa e peserà l’iscrizione nel registro degli indagati dei due deputati veneziani – rileva Fincato -. Dico (in pubblico, per amor di trasparenza) che realizzare le primarie prima che sia chiarita la posizione di Zoggia e Mognato (della cui assoluta estraneità ai fatti sono convinta) potrebbe essere un boomerang, per il Pd e per le stesse primarie».

Fincato, già candidata alle analoghe primarie del 2010 (arrivò terza, dietro a Giorgio Orsoni e Gianfranco Bettin), coglie l’occasione per togliersi dei sassolini dalle scarpe: «Su quelle del 2010 mi sono già espressa ed infuriata. Attendo ancora se alla mia consegna dei dati (fonte del finanziamento/spese per la campagna) abbia o meno corrisposto uguale consegna da parte dell’altro candidato, Orsoni, che ha affermato, virgolettato, che nulla ha speso o programmato sia per la campagna delle primarie che per la campagna elettorale, di cui si è occupato il Pd! Chiedo al presidente della commissione d’indagine se sono o non state sostenute spese per le primarie, da parte del Pd, per il candidato Orsoni – dice ancora -. Se no, come ad ora risulta, perché permettere ad Orsoni di dire che ‘per le primarie e per la campagna elettorale chiedete al Pd che se ne occupò’?».