Treviso, la Provincia “taglia” Goldin

«Il taglio di 23 milioni di euro del governo Renzi destinato all’ente Provincia di Treviso per il 2015 ci impone di far saltare tutti i contributi per promuovere convegni, eventi e mostre. E quindi salta anche il contributo di 100 mila euro per il grande ritorno di Goldin a Treviso».

A dare la notizia è il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, nello stesso giorno in cui i lavoratori delle Province del Veneto si riuniscono nelle sede della Provincia di Treviso per protestare contro la riduzione di deleghe provinciali, e di personale, decisa dal governo Renzi. Oltre ai tagli sui lavoratori, dunque, le province si vedono costrette anche a rinunciare alle sponsorizzazioni e ai contributi ad eventi e mostre, perfino a quella organizzata dal re della cultura: Marco Goldin.

Il progetto della mostra Goldin a Treviso prevede un pacchetto di circa 4 milioni di euro necessario per finanziare la mostra e assicurare i prestiti delle opere, il 60% coperto dallo stesso Goldin e dalla sua Linea d’Ombra (circa 2.3 milioni in cambio del rischio d’impresa, il critico otterrebbe gli introiti di mostra e marketing). E a coprire il restante 40% ci pensano gli sponsor privati: Massimo Zanetti con il marchio Segafredo (500 mila euro), Generali (250 mila euro) e a seguire quasi un milione di euro da parte di enti (compresa anche la Provincia), categorie e associazioni. Ora il passo indietro della Provincia obbliga Comune di Treviso e i vari organizzatori a cercare altrove i 100 mila euro mancanti.