Islamismo, Donazzan: «ho paura, servono leggi speciali»

«Firmate la petizione contro sta tipa, devono lasciare stare i bambini. E i musulmani non devono giustificarsi di niente». Così si legge sul sito «La Scienza del Corano», sito internet che ospita decine di commenti anti-occidentali gestito dal marocchino Anass Abu Jaffar – già residente a Belluno e ora emigrato Casablanca. La «tipa» in questione è Elena Donazzan, assessore regionale alla Formazione, al centro di polemiche roventi in questi giorni per una circolare in cui invita le scuole venete a chiedere agli studenti stranieri una condanna dell’attacco terroristico al Charlie Hebdo.

Sul Corriere del Veneto di oggi Donazzan si dice impaurita per il commento del sito islamico: «Vorrei che questo, come altri siti frequentati da fanatici, venissero quantomeno monitorati, per capire se chi li gestisce può costituire un pericolo. Dalla Rete giungono messaggi inquietanti, che puntano a fare proselitismo per lo Jihad e ad esasperare gli animi: vanno fermati». L’assessore regionale propone inoltre delle leggi speciali «come avvenne degli anni Settanta di fronte alle Brigate Rosse». In primis l’obbligo di fare i sermoni in italiano per gli imam, ma anche il divieto per le donne musulmane di indossare nei luoghi pubblici per i veli che coprano i volti.