Venezia, mostra su deportati ebrei “matti”

Presso gli spazi di San Servolo Servizi di Venezia saranno esposte per la prima volta, trascorso il settantennio previsto per legge, le cartelle cliniche dei pazienti ebrei deportati dagli ospedali psichiatrici di San Servolo e di San Clemente nell’ottobre 1944, corredate da fotografie, documenti amministrativi e annotazioni tratte dai diari clinici.

Attraverso i documenti archivistici si potranno comprendere i fatti accaduti in quel tempo: le visite preparatorie alla deportazione da parte di ufficiali fascisti, le descrizioni e i giudizi espressi dai medici, le vicissitudini personali di quelle persone. Un itinerario documentario per ricordare nomi, volti e frammenti di una tra le più tragiche vicende umane della shoah.

La mostra – che verrà inaugureta mercoledì 14 gennaio ore 11:30 e rimarrà aperta fino al 31 gennaio – si colloca nell’ambito del programma cittadino dedicato alla Giornata della Memoria 2015 e sarà preceduta dal posa a San Servolo di una “Pietra d’Inciampo” a ricordo di questo triste evento. «La nostra – spiega il curatore Luigi Armiato – è una mostra per non dimenticare sperando che non possa avvenire mai più, anche se i fatti recenti ci dicono che l’uomo non impara molto dalla storia».

Tags: ,