Verona, cortile Giulietta a pagamento?

Si stanno definendo gli ultimi dettagli per dare il via al progetto di ingresso a pagamento al Cortile di Giulietta a Verona. Una volta definiti saranno necessari due euro e cinquanta per transitare nello splendido cortile dei Cappelletti da piazzetta Navona e dal Teatro Nuovo, non più gratuitamente da via Cappello.

Stipulato l’accordo con i proprietari privati dei negozi e dell’albergo di lusso che sono parte dello storico complesso, ora il Comune deve accordarsi con la Società dei palchettisti proprietaria del Teatro Nuovo e con la Fondazione Atlantide, guidata da Paolo Valerio.

L’intesa siglata fra Amministrazione e privati prevede che il 70 per cento degli incassi al Comune, il 20 alla Fondazione Atlantide e il restante 10 diviso fra i quattro proprietari privati. Viene inoltre congelata per i tre anni di durata del progetto una frase della convenzione iniziale siglata da Comune e la stessa fondazione Atlantide in cui si sosteneva che il cortile è uno spazio pubblico.

«Trovata questa intesa con i privati ora dobbiamo chiudere il cerchio e trovare un accordo con la proprietà del Teatro Nuovo e con la Fondazione Atlantide» spiega l’assessore Enrico Corsi. La Società dei palchettisti, però, pone qualche freno. «Noi abbiamo tutta la disponibilità a lavorare a un accordo su un progetto serio – dice Zeno Poggi, presidente della Società -. Stupisce però che sinora tutti parlano di quanti soldi incassano e nessuno di chi paga i conti per lo sviluppo del progetto, a carico di Atlantide e del Teatro Nuovo». L’incontro finale fra le tre parti in causa dovrebbe avvenire a fine mese.