Caso Aipo a Rovigo, sette rinvii a giudizio

La Procura di Rovigo ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti i sette indagati del caso Aipo, l’Agenzia interregionale del Po, al centro delle cronache nazionali grazie ad uno scoop di Report e l’interrogazione in parlamento del Movimento 5 Stelle. Il procuratore capo Carmelo Ruberto ha rivendicato il merito per il lavoro certosino del suo staff, e ricordato come la carenza di organici abbia reso difficile il lavoro di indagine da parte dei suoi.

I sette imprenditoridipendenti compariranno davanti al gip ai primi di maggio. Sono tutti coinvolti nella frode ai danni dell’Aipo per interventi di sicurezza idraulica lungo l’alveo del PoLa tesi che sosterrà la Procura, si incentrerà sulla prescrizione che potrebbe, come sostenuto dallo stesso Ruberto, “non essere così imminente come prospettato in un primo momento. In aula, comunque – aggiunge – non giungeremo certo impreparati anche se poi competerà al giudice ogni decisione in merito alle posizioni degli indagati”.