“Son”, app per genitori. Contro e-commerce di droga

C’è un nuovo strumento per combattere le dipendenze giovanili da stupefacenti: è il progetto Son (acronimo di “Save our net”), un’applicazione per cellulari e tablet la cui funzione sarà impedire ai minori di accedere a siti internet ritenuti pericolosi. Il progetto nasce in riva all’Adige, come sviluppo dei Cic (gli sportelli di informazione e consulenza delle scuole, che attualmente intercettano il 20% dei problemi di dipendenza fra gli adolescenti).

«Grazie a questo software i genitori possono ricevere un sms o un’email quando il dispositivo del figlio tenta l’accesso a uno dei siti sospettati di vendere sostanze proibite – ha spiegato al Corriere del Vento Giovanni Serpelloni, direttore del SerD dell’Ulss 20 -. In internet si moltiplicano manuali sulla coltivazione, la legalizzazione e la commercializzazione della cannabis ed è questo il nuovo mercato delle droghe sintetiche. Individuare tali siti e segnalarli ai Nas è la nostra battaglia quotidiana contro questa nuova organizzazione criminale che non è gestita dalle mafie ma si nasconde nella Rete».

Tags: