«M5S tradito da Grillo e Casaleggio»

Apprendiamo dalla stampa della fuoriuscita di altri 10 parlamentari dal Movimento 5 Stelle. La cosa non ci stupisce affatto nè le dichiarazioni degli ormai ex grillini nelle quali si evidenzia il sostanziale fallimento del progetto, la totale mancanza di democrazia interna, la imposizione di strumenti di accentramento (direttorio, comitati garanti etc.) con relativa delegittimazione e dequalificazione del ruolo decisionale dei parlamentari stessi, ridotti ormai a puro numero statistico. Sono cose che evidenziamo da tempo e che non sono immuni alla nostra regione, della quale fanno parte ben due deputati fuoriusciti e cioè Tancredi Turco di Verona e Gessica Rostellato di Padova.

Anche in Veneto si è ormai insediato un gruppetto ristretto che comanda a proprio piacimento. Esemplare da questo punto di vista la organizzazione delle recenti regionarie dove sono stati scelti non certo i migliori candidati in quanto a capacità, competenza, attività sul territorio ma in quanto a fedeltà e affinità al pensiero unico dei vertici regionali e nazionali del M5S. Totalmente assente dalla discussione il programma regionale, ad oggi ignoto. Facciamo un appello affinchè altri in Veneto (e non) trovino il coraggio di denunciare lo stato di degrado in cui versa il Movimento e abbiano la forza di unirsi ai fuoriusciti.

Il progetto a 5 Stelle si è ormai trasformato, tradendo i valori originari, grazie soprattutto alla totale mancanza di reali proposte e di vera iniziativa da parte dei due co-fondatori Grillo e Casaleggio. I parlamentari e attivisti non intenzionati a seguire le fallimentari politiche ne prendano responsabilmente atto, assumendone le relative conseguenze, decidendo di contribuire alla creazione di un nuovo soggetto politico.

Gianluca Di Luccio, consigliere comunale Piovene Rocchette (ex M5S)
Francesco Celotto già candidato al Senato, espulso dal M5S