Rovigo, un “mister X” per il centrodestra

Febbrili i contatti negli ultimi giorni tra le segreterie di Lega e Forza Italia del rodigino, con i senatori Emaunuela Munerato e Bartolomeo Amidei impegnati nel tentativo di trovare la quadra su una rosa di nomi per il candidato unico del centrodestra in vista delle prossime elezioni comunali. Sul piatto restano sempre i vari Gianni Antonio SaccardinMassimo Barbin(direttore di Unindustria), Ugo Fiocchi (amministratore di Asm spa) ed “un” Belloni, il conosciuto Lorenzo presidente della Camera di Commercio di Rovigo o l’outsider Enrico, fratello del presidente ed imprenditore nel comparto sicurezza.

Ma prende invece sempre più quota l’ipotesi di una figura esterna ai giochi politici e in grado quindi di superare l’impasse che che si è creato tra i due partiti. L’identikit del fantomatico “mister X” sembra corrispondere alla figura di un giovane, polesano anche se non rodigino, nuovo della politica ma benvisto dal mondo imprenditoriale, per esempio Davide Guariento, ma anche Antonio Monesi.

Nelle ultimissime ore è cominciata a circolare anche la possibilità di una candidatura a tinte rosa. Si va da Elena Grandi presidente di Ascom per l’eventuale sfida a Monini, all’ex “pasionaria” della Cisl polesana, Valeria Cittadin, la sempreverde Cristina Folchini assessore per un mese di Bruno Piva, ela senatrice Emanuela Munerato.

Tags: ,