Veneto, sinistra unita sogna Tsipras

La vittoria della sinistra radicale di Alexis Tsipras in Grecia scuote e sprona anche la sinistra veneta in vista delle prossime elezioni regionali. Il “la” lo ha dato la conferenza nazionale di Sel “Human Factor”, a cui hanno partecipato anche esponenti di Rifondazione Comunista e del mondo ambientalista. A livello veneto le stesse forze stanno ragionando su una lista unitaria, che probabilmente si chiamerà “l’Altro Veneto” (sulla scorta della lista per l’europee de “L’altra Europa per Tsipras”). L’appoggio alla candidata del Pd Alessandra Moretti non è ancora dato per certo, ma dietro le quinte si sta lavorando con questo obiettivo.

Il punto di partenza è quindi il 2,75% ottenuto in Veneto alle Europee dell’anno scorso (4,03% a livello nazionale), più che il 3,46% ottenuto alle regionali 2010 dalle tre liste della sinistra radicale (in cui però era presente anche il Psi, che non sembra essere della partita). «Mi auguro – spiega al Corriere del Veneto Pierangelo Pettenò, l’unico consigliere regionale della sinistra radicale – che le prossime elezioni regionali rappresentino l’occasione per la costruzione di una aggregazione politica e sociale di una sinistra capace di sconfiggere quanti ancora sostengono le politiche antidemocratiche e antipopolari, assicurando nel contempo la fine di un ventennio di governo di una destra conservatrice e populista».

Tags: