La Klein a Venezia: «rivoluzione ambientalista»

Naomi Klein nel suo tour italiano è arrivata anche a Venezia, in un auditorium Santa Margherita affollatissimo per presentare il suo nuovo libro “This changes everything. Capitalismo versus clima”, nella sua traduzione per il pubblico italiano “Una rivoluzione ci salverà. Perché il capitalismo non è sostenibile”. La pluripremiata scrittrice e attivista canadese, autrice dei best-seller “No Logo” e “Shock Economy” e voce influente del dibattito culturale contemporaneo, ha messo in guardia la platea sui pericoli legati al riscaldamento globale.

Per la Klein, se alla fine degli anni Ottanta potevamo ridurre le emissioni atmosferiche di qualche punto senza mettere sottosopra schemi economici, corporation, e poteri forti, oggi non è più possibile. La lotta alle emissioni va contro l’agenda neoliberista. È ora necessario adottare una grande mobilitazione radicale, dal basso e trasversale alle differenti fazioni politiche. «È fondamentale avere chiaro che non esistono risposte non radicali ai problemi dell’ambiente. Il cambiamento avverrà anche se non facciamo nulla, la terra si surriscalderà comunque – continua la scrittice – adesso è il momento di bloccare progetti dannosi e nocivi, gli attivisti devono fare tutto ciò che è in loro possesso, dobbiamo unirci dal basso». A chi obietta che tanta radicalità può produrre conflitti, Klein ribatte: «Ci sono centinaia di motivi per essere scoraggiati, ma trovo che sia un’espressione di ottimismo molto più ingiustificata pensare che sia il mercato a risolvere il nostro problema».

Tags: ,