Fondo turismo, Finozzi: colossale presa in giro

Marino Finozzi, assessore regionale al turismo, in un comunicato ha espresso la propria indignazione per la denuncia di  Federalberghi, che con 76 milioni di euro del “Fondo Strategico Italiano” sarebbe stato rilevato il 23% di una società con sede in Inghilterra, che pur operando anche in Italia versa le tasse al governo di Londra.

Si tratta di una «monumentale presa in giro – tuona Finozzi – che non danneggia solo il comparto alberghiero ma l’intero settore turistico nazionale, costretto a patire un livello di tassazione che non ha eguali negli altri Paesi concorrenti al nostro e persino a subire lo sberleffo di vedersi sottratti quei finanziamenti che dovrebbero garantire un rilancio della nostra economia turistica e che invece finiscono per avvantaggiare quei gruppi stranieri concorrenti che già godono di situazioni privilegiate a casa loro». «Credo che come Regioni dovremo far sentire la nostra voce – chiosa l’assessore veneto – e manifestare il nostro aperto dissenso per questo modo assurdo di operare dei governi centrali».