Banco Popolare e Veneto Banca in rosso

Dopo la Banca Popolare di Vicenza, che ha chiuso ieri il bilancio con un buco di quasi mezzo miliardo, anche il Banco Popolare e Veneto Banca fanno pulizia nei conti e li chiudono entrambe in profondo rosso. Se Veneto Banca fa rettifiche per complessivi 1.138 milioni, e chiude il 2014 in perdita di 650 milioni, Banco Popolare dichiara una perdita che sfiora addirittura i 2 miliardi di euro.

Lo annuncia l’istituto che ha archiviato il bilancio con un risultato negativo per 1.946 milioni, rispetto alla perdita di 606,3 milioni del 2013. Pesano le rettifiche straordinarie del quarto trimestre pari a 2,5 mld (3,5 mld nell’anno) Nonostante le forti rettifiche su crediti, il profilo patrimoniale del Banco Popolare «rimane particolarmente solido». Così rassicura l’istituto in una nota, ricordando che il coefficiente patrimoniale CET 1 ha registrato una contrazione di 35 bps attestandosi all’11,3% dall’11,7% del 30 settembre. «Il sacrificio in termini reddituali (derivante dagli stress test della Bce) – continua il comunicato – consente al gruppo di posizionarsi nel nuovo contesto competitivo sovranazionale».