Jesolo, mare devasta costa: 4 milioni di danni

Gradoni alti quasi tre metri e una spiaggia scavata che è irriconoscibile. Questo il pesante bilancio delle violente mareggiate degli ultimi mesi al lido est, verso la Pineta. I danni sono stati quantificati tra i 4 e 5 milioni di euro solo per la spiaggia di Jesolo ed al momento si profilano tempi ancora lunghi riguardo la sistemazione dell’arenile per l’estate 2015.

«Non ci sono i tempi per sistemare questi crateri, questi costoni di sabbia che paiono muri scoscesi sul mare» spiega Nicola Manente di Forza Jesolo-Forza Veneto alla Nuova Venezia. «Le elezioni regionali saranno a maggio, è impensabile che prima ci possano essere stanziamenti da approvare. E poi, la verità è che non ci sono i soldi a Venezia per garantire interventi a Jesolo, piuttosto che Chioggia o San Michele-Bibione. Dobbiamo considerare questo fatto e il Comune deve attivarsi per cercare una soluzione».

Determinato a risolvere la situazione è anche il sindaco Valerio Zoggia che nel corso di alcuni incontri  con l’assessore regionale all’ambiente Maurizio Conte, ha invocato interventi strutturali. Interventi che però dovranno tenere conto degli sviluppi delle burrascose vicissitudini giudiziarie legate al Mose, e del passaggio dei poteri dal dismesso Magistrato alle Acque al Provveditorato Interregionale per le opere.