Padova, Cgil: stazione Tav a S. Lazzaro? Follia

Ilario Simonaggio, segretario regionale della Cgil-Trasporti, attacca il progetto del treno alta velocità dopo che il governatore Luca Zaia ha ufficializzato uno stanziamento di 50mila euro per la realizzazione dello studio di pre-fattibilità per la nuova stazione che dovrebbe sorgere dietro all’area Net Center. «Una nuova stazione per l’alta velocità a San Lazzaro – esordisce sul Mattino di Padova Simonaggio – sarebbe una vera follia, tecnica e amministrativa, che rischierebbe di diventare una cattedrale nel deserto consumando solo altro territorio».

«Lo sanno – incalza poi il segretario regionale  del sindacato – Zaia e il sindaco Massimo Bitonci che, come già deciso a livello nazionale, a Padova si fermeranno solo il 25% dei treni ad alta velocità che arriveranno da Torino Porta Susa e da Milano Centrale? Mi sembra proprio che a Padova si voglia scimmiottare quello che è stato deciso a Vicenza, dove sono previste addirittura due nuove stazioni, sulle quali la Cgil è totalmente contraria. La verità è che, proprio sull’asse Verona-Vicenza-Padova-Mestre, stiamo assistendo a un utilizzo politico affaristico dell’alta velocità – alta capacità, finalizzato solo a generare reddito a progettisti e costruttori».