Venezia, confronto primarie: tutti contro Contorta

Si è svolto domenica 22 febbraio il primo confronto pubblico tra i tre candidati alle primarie del Partito democratico per il prossimo candidato sindaco di Venezia. Felice Casson, Iacopo Molina e Nicola Pellicani hanno avuto modo di esporre le loro idee sul programma: alla base c’è quello condiviso del Pd, ma sono chiaramente emerse alcune differenze sostanziali.

Per quanto riguarda le Grandi navi e l’attività portuale, tutti si sono detti contrari allo scavo del nuovo canale Contorta, ma Casson si spinge oltre, arrivando a sostenere di essere contrario alla stessa entrata di Grandi navi in laguna, Molina e Pellicani invece su questo punto sono più morbidi. Sulla tassa di soggiorno invece Pellicani è decisamente contrario a farla pagare anche ai turisti pendolari per le complicazioni che ciò comporterebbe mentre secondo Casson sarebbe necessario introdurla in modo diversificato sulla base dei mezzi con cui si arriva in città.

Molina sostiene poi che il buco di bilancio non debba obbligare a chiedere più denaro a Roma, è necessario piuttosto contenere la spesa e sforbiciare sulle società partecipate di secondo livello, mentre per Pellicani va utilizzata la legge speciale, rivendicando l’unicità di Venezia, e soprattutto chiedendo che una parte delle tasse che i veneziani versano all’Erario rimangano in città; Casson chiede prima di tutto che si chiarisca la situazione. Il senatore vuole poi rivedere la normativa, approvando la nuova legge speciale di cui è primo firmatario in Parlamento.

Tags: ,