Auto di lusso, truffa da 1 milione 200 mila euro

auto di lusso
Una rete criminale che coinvolgeva ben 15 persone con mansioni diverse, ma tutte accomunate dal commercio illecito delle auto di lusso. In sostanza, una truffa alle finanze italiane di 1 milione e 200 mila euro di Iva non versata. A porre fine a questo giro di importazioni illegali da Paesi “intra Cee”, ci hanno pensato le fiamme gialle di Treviso e la Polstrada di Vicenza che hanno arrestato 8 persone lo scorso 5 marzo.
«Gli associati – spiega il colonnello Giuseppe De Maio al Corriere del Veneto –  avrebbero utilizzato bolle doganali alterate, timbri falsi di varie Agenzie della Dogana e false certificazioni». Tra gli ideatori, due veronesi: Maria Gibello (51 anni) e Roberto Giacobuzzi (37 anni). Mentre restano ancora a piede libero un’intera famiglia trevigiana da cui sono partite le indagini. Per tutti le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa.