Verona, Bernato: «Famiglie responsabili per danni»

baby-vandali

Ancora una gang di baby-vandali. Il circolo culturale 6 maggio 1848 della Quarta circoscrizione del comune di Verona è il bersaglio di un gruppetto di 30 adolescenti fra i 13 e i 17 anni. «Si tratta di ragazzi che evidentemente cercano il brivido della sfida, continuando a provocare», commenta dopo l’ennesima bravata Daniele Bernato (presidente della circoscrizione). «Ma la circoscrizione – continua Bernato – non può permettersi di pagare per questi stupidi giochetti. Perché le spese per il ripristino dei locali, ricadono inevitabilmente sulla collettività».

Davanzali imbrattati di scritte, sanitari delle toilette devastati, controsoffitti danneggiati e pavimenti ricoperti dalla polvere degli estintori svuotati: episodi che avevano già portato Bernato a presentare una denuncia per danneggiamento contro ignoti ai carabinieri e a chiedere l’aiuto di qualche associazione di volontariato. Nonostante il presidio dei carabinieri partito da mercoledì 4 marzo, i vandali non si sono scoraggiati.

«Abbiamo trovato un graffito lungo circa mezzo metro appena vergato sulla facciata interna del palazzo, un edificio sottoposto anche a vincolo. Le immagini delle videocamere hanno ripreso il gruppetto che passa nei corridoi: riteniamo che si sia trattato dei “soliti noti”. E questa volta abbiamo intenzione di andare fino in fondo perché non possiamo tollerare questi atteggiamenti di sfida». E nel caso in cui si trattasse di minorenni, il presidente è pronto a rivalersi sulle loro famiglie: «È anche e soprattutto una questione di educazione».