Popolari, Veneto Banca: dialogo con Vicenza su fusione

A un anno di distanza dal no dei soci all’aggregazione e sulla scia del decreto delle Popolari che impone la trasformazione in spa, torna a crescere l’ipotesi di fusione fra Veneto Banca e Popolare di Vicenza. In una conversazione con Il Sole 24 Ore, il presidente dell’istituto di Montebelluna Francesco Favotto afferma che «ci sono le condizioni per un dialogo frequente sul piano tecnico e delle valutazioni di fondo» in risposta ala disponibilità espressa dal numero uno vicentino Gianni Zonin di sabato.

Per Favotto i punti di contatto «sono molti» e «oggi fare banca sul territorio è più difficile che in passato» tuttavia, così come già detto un anno fa «l’eventualità di una fusione andrà valutata solo nel caso in cui possa creare valore per i soci, i dipendenti e il territorio». In ogni caso Favotto conta di trasformare in spa l’istituto già entro l’estate bruciando i tempi della riforma che consente 18 mesi.

Tags: