Belluno, commissariato segretario tosiano

Leonardo Colle ha cessato le sue funzioni da segretario della Lega Nord della provincia di Belluno. A fare le sue veci, dopo il commissariamento di Colle, sarà Cesare Rizzi che avrà il compito impervio di traghettare il Carroccio bellunese fino alle elezioni regionali evitando altri “spargimenti di sangue”, soprattutto durante la creazione delle liste.

Si sarebbe dovuto parlare proprio delle liste al consiglio nazionale di Padova di sabato mattina, ma il burrascoso divorzio da Flavio Tosi era ancora troppo fresco. Meglio allora cercare di sistemare le posizioni critiche, e proprio per questo a Belluno, dove al vertice sedeva il tosiano Colle, il commissarimento era atteso da giorni come l’unica strada percorribile.

«Sono riuscito ad ottenere il commissariamento per le dichiarazioni in contrasto con la linea politica di Salvini – spiega al Corriere delle Alpi l’ex segretario -, ma il consiglio federale non ha avuto il coraggio di espellermi. Le voci di corridoio mi dicono che non vogliono darmi la soddisfazione di avere quello che chiedo. La versione ufficiosa, invece, è che Salvini non voglia darmi l’attestato di antifascista».