Rubano (Pd), 230 posti a rischio all’In.Co

Hanno appeso i loro camici da lavoro ai cancelli dello stabilimento. Ai 230 lavoratori della In. Co, azienda che confeziona capi di vestiario per Ermenegildo Zegna, potrebbero infatti non servire più. Ieri si è svolto un incontro sindacale in cui i lavoratori hanno chiesto che la produzione dell’azienda non si trasferisca.

Al momento i lavoratori si trovano in cassa integrazione per quattro giorni alla settimana, lavorando quindi un solo giorno. Ma dal 9 maggio dovranno valutare gli incentivi che il gruppo Ermenegildo Zegna metterà in campo per far accettare i trasferimenti ai lavoratori, oppure abbandonare il loro posto di lavoro. La decisione di smantellare i lavori nello stabilimento di Sarmeola (Pd), vicino a Rubano, spostando la produzione nelle sedi in Piemonte o Emilia Romagna del gruppo, è caduta a ciel sereno per  lavoratori e lavoratrici, che fino a poche settimane fa non ne sapevano nulla, e che li sta mettendo in grave difficoltà.

La vicenda ha mosso anche il mondo politico: il senatore Antonio De Poli (Udc) presenterà nella giornata di martedì un’interrogazione indirizzata al ministro del Lavoro Giuliano Poletti chiedendo che sia aperto immediatamente un tavolo di trattative. Anche Jacopo Berti, candidato M5S alla presidenza della Regione dichiara al Mattino di Padova la sua delusione: «Altro che ccupazione, il Jobs Act della Moretti fa perdere il lavoro e il suo partito distrugge il Made in veneto».

Tags: ,