Regione, politici corrotti? saremo parte civile

Il Consiglio regionale ha votato un emendamento presentato da Piero Ruzzante (Pd) che recepisce la proposta formulata dal consigliere di Forza Italia Moreno Teso di rendere obbligatorio per la Regione l’avviamento di una causa civile di risarcimento danni, anche in caso di patteggiamento, nei processi che vedono imputati gli amministratori o i dirigenti della Regione, come, ad esempio, in processi per concussione o corruzione.

«Ad oggi – spiega Teso al Corriere del Veneto – la scelta della giunta è sempre stata discrezionale. A volte la costituzione di parte civile è stata fatta, altre volte no, ma sempre la decisione è stata presa a porte chiuse al piano nobile di Palazzo Balbi. Con questa norma stabiliamo che l’interesse dell’ente, e dunque dei cittadini, va perseguito sempre, obbligatoriamente. E se la giunta preferisce non farlo, deve venire in consiglio, motivare la sua scelta e sottoporsi al voto dell’aula, con un’assunzione di responsabilità politica e un atto di trasparenza».