Rovigo, «orge tra preti»

Un sacerdote di Rovigo fa scoppiare uno scandalo con la denuncia choc di sesso a pagamento, orge, scambio di foto hard e di indirizzi di preti gay. Secondo il dossier presentato al tribunale ecclesiastico della Puglia (con tanto di schermate di chat e video espliciti registrati con le webcam), il sacerdote 32enne di Rovigo (sebbene la Curia abbia smentito la sua appartenenza all’Ordine) avrebbe avuto un rapporto sessuale con un prete della diocesi di Taranto.

Il parroco di Taranto coinvolto nella vicenda è stato rimosso dall’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro. Il sacerdote rimosso non appartiene al clero di Taranto ma ad un ordine religioso. Il prete di Rovigo che ha fatto scoppiare lo scandalo e la cui testimonianza è risultata attendibile, ha riferito di essere stato tartassato dal parroco rimosso con richieste on line di sesso. Della vicenda è stato informato il tribunale ecclesiastico.