Bpvi, nuovo borsino: azioni mai sotto 38,4 euro

Da diversi anni il valore delle azioni delle banche popolari non quotate era più alto rispetto a quello che il mercato attribuiva ad altri istituti di credito. Il fenomeno interessava, ovviamente, anche Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, ma fino a quando le vendite dei soci sono rimaste ad un livello normale e la Bce permetteva i fondi di acquisto di azioni proprie, si era riusciti a mascherare il problema.

Ieri in assemblea molti soci hanno raccontato di ordini di vendita vecchi di molti mesi e rimasti inevasi. Ecco perché il consigliere delegato, Samuele Sorato, ha studiato una serie di provvedimenti per poter incrociare la domanda e l´offerta di titoli. Il sistema di negoziazione prevede che si attivino accorgimenti particolari per evitare oscillazioni di prezzi troppo violente. Sorato ha spiegato che sarà ammesso uno scostamento massimo, sia in alto che in basso, del 5 per cento. Nel mese di maggio dunque il livello di prezzi delle azioni Bpvi potrà essere compreso tra 45,6 e 50,4. Inoltre è stato previsto un floor,  ossia un limite minimo, al di sotto del quale l´azione non potrà mai scendere: la quota limite sarà 38,4 euro.