Pmi venete, 2 mila a rischio crack

2 mila Pmi venete a rischio fallimento, altre 4mila aziende «vulnerabili» e 300 in liquidazione. Ma 10.000 imprese sono “sane”. Questi i dati sullo stato dell’imprenditoria veneta che emergono da uno studio di Cerved Rating Agency, l’agenzia di rating del Gruppo Cerved, specializzata nella valutazione del merito creditizio, che ha analizzato i bilanci di 16mila Pmi.  Secondo il report il nodo della questione è che il credito bancario rappresenta di fatto l’unica forma di finanziamento a cui ricorrono le aziende venete: il 99% dei debiti finanziari ha infatti natura bancaria e il tasso di ingresso in sofferenza di un’azienda, è proporzionale al grado di «dipendenza bancaria» (il 49,5% delle Pmi venete oggi è «moderatamente dipendente dalla banca». Il 9,2% «fortemente dipendente»).

«La creazione di un sistema di rating espressamente rivolto alle Pmi, che le aiuti a trarre vantaggi da una miglior reputazione creditizia, può contribuire a superare questo ostacolo» spiega l’ad Cerved Rating Agency, Mauro Alfonso al Mattino. Un’altra via praticabile, per Cerved, è quella dei minibond, uno strumento ancora poco conosciuto e sfruttato dalle Pmi venete.

Tags: ,