Check Up: istruzioni d’uso per evitare ipocondria

Un piccolo vademecum, ripreso da Il Mattino, sui check-up per evitare ipocondrie controproducenti

 

Cos’è il check-up?

E’ una pratica che si effettua in un soggetto apparentemente sano che esegue esami specifici periodicamente per prevenire o cogliere sul nascere una patologia. È importante sapere che in letteratura scientifica non ci sono dati che dimostrano l’utilità dei controlli nel miglioramento della vita. Per questo motivo devono essere pochi, mirati e consigliati dal medico di famiglia che conosce la storia medica del suo assistito e gli eventuali fattori di rischio.

 

Quanti controlli fare?

Un blocco di esami e di indagini strumentali preordinato da eseguire periodicamente non esiste, bisogna ritagliarlo a seconda della storia personale, familiare e dei fattori di rischio del soggetto (se fuma o meno, se è o meno sovrappeso, se ha familiarità per determinate patologie). Non serve la quantità ma la qualità dei controlli, sebbene questi possano rassicurare e sedare l’ansia.

 

Come valutare i fattori di rischio?

Buona abitudine è quella di fare un’attenta autocritica delle proprie condizioni di salute. In primo luogo bisogna osservare il proprio peso corporeo; poi vanno considerati i comportamenti (alcol, fumo, dieta, attività fisica) e la familiarità, quindi i fattori di rischio lavorativi e ambientali. Conoscere i propri fattori di rischio significa poter prevenire.

Quando bisogna rivolgersi al medico?

Il medico di medicina generale è la figura di riferimento. Al medico spetta un compito arduo, ovvero svolgere l’attività di informazione e di educazione sanitaria attiva. Il nodo centrale è il dialogo e la confidenza tra medico e paziente. Al medico bisogna rivolgersi quando si manifestino segni di una modificazione delle normali funzioni del corpo.

 

E quando si invecchia?

La genetica ha il suo peso, per cui l’età anagrafica può non corrispondere all’età biologica e viceversa: un settantenne può essere quasi come un sessantenne e un cinquantenne presentare più patologie.

Tags: