Tangenziale Vi-Lobia, «14 milioni buttati»

«Chiediamo al Comune trasparenza sul progetto della tangenziale tra Lobia e Vicenza e un’analisi dei costi: a spese quasi analoghe a quelle della superstrada Pedemontana, ha due corsie anziché quattro». Italia Nostra-Vicenza torna all’attacco dell’amministrazione comunale sul progetto della bretella che dovrebbe ridurre il traffico legato alla nuova base americana Del Din. Per gli attivisti «la strada, così com’è, per i vicentini è inutile. Finisce in aperta campagna in una carrareccia».

Il tratto di tangenziale incriminato è quello ipotizzato fra Vicenza e Lobia: 6,7 chilometri da via Del Sole alla base per un tracciato ampio 10,5 metri a una corsia per senso di marcia che, secondo quanto reso pubblico finora, costerà in totale 92,5 milioni di euro (13,8 al chilometro). «Come Italia Nostra, avevamo presentato un tracciato alternativo più economico e più corto di un chilometro e mezzo, che svolgeva anche la funzione di argine per il futuro bacino di viale Diaz. Ma il sindaco Achille Variati l’ha bocciato senza spiegazioni» ha accusa la presidente dell’associazione Giovanna Dalla Pozza sul Corriere del Veneto. «Sono costi esorbitanti, per un tracciato peraltro molto più stretto di quello della Pedemontana – osservano l’urbanista Francesca Leder di Out (osservatorio urbano territoriale) e il portavoce del Covepa (raggruppamento di comitati No Pedemontana) Massimo Follesa, entrambi presenti ieri all’incontro con gli attivisti.

Tags: ,