Venezia, multa da 1,8 milioni per ovovia Calatrava

L’ovovia sul ponte di Calatrava, a Venezia, sarebbe un’opera inutile o al più troppo costosa. Per questo la Procura regionale della Corte dei Conti chiede all’ex giunta municipale di Paolo Costa (in carica dal 2000 al 2005) di pagare il conto, pari a 1 milione 779 mila 565,61 euro. Il sistema di trasporto di disabili e anziani per lo scavalcamento del quarto ponte in laguna, progettato da Santiago Calatrava a Piazzale Roma, viene ritenuto, come riporta il Gazzettino, «danno da opera inutile oppure, in via subordinata, danno da indebita lievitazione dei costi dell’opera».

La richiesta di risarcimento entro il primo maggio riguarda l’ex sindaco e attuale presidente dell’Autorità portuale Costa e i 10 assessori della sua giunta. «Bisogna che sia risolto il paradosso legislativo – commenta l’ex assessore Beppe Caccia – l’opera è inutile o è utile? Perchè se è inutile, allora bisogna modificare la legge che impone i servoscala, se è utile, invece, non possono chiamarci a pagare il conto. Se è costata troppo ne risponderà chi l’ha costruita, non noi amministratori, che abbiamo obbedito alla legge che impone opere pubbliche a portata di disabile».

Tags: ,