Regionali, 4 consiglieri da Forza Italia a Tosi

«La candidatura di Tosi  è la più innovativa del centro destra». Così Leonardo Padrin, che assieme ai tre consiglieri, Renzo Marangon, Mauro Mainardi e Moreno Teso hanno abbandonato Forza Italia per candidarsi nelle liste del sindaco di Verona. Dure critiche sono state espresse soprattutto al modo in cui Forza Italia in Veneto ha lavorato per le liste: «questo non è più un partito – ha detto Marangon – ma un sultanato». Le ragioni della decisione sono contenute in una lettera inviata al leader Silvio Berlusconi.

«Oggi – scrive Padrin nella lettera – mi trovo a non condividere quanto sta avvenendo a livello locale nel movimento. Dopo l’esodo di coloro che hanno costituito l’Ncd eravamo convinti in tanti che soffiasse un’aria nuova, carica di entusiasmo e che Forza Italia potesse ritrovare i tempi migliori. Dopo pochi mesi però siamo tornati ai tempi peggiori perché è mancato un adeguato coinvolgimento su quanto accadeva a livello nazionale, è mancata l’informazione e si sono create “squadre” che tendevano ad escludere e non ad includere»

 

Tags: ,

Leggi anche questo