Toniolo (Ncd): «Forza Italia ostaggio della destra»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Forza Italia si divide in due: l’anima moderata esce dal partito e va con il candidato Flavio Tosi, mentre l’anima ex AN, quindi di destra, tiene in ostaggio il partito e si allea con Luca Zaia». Lo afferma il consigliere regionale Costantino Toniolo (AP-Ncd Veneto Autonomo) che ieri ha appreso della distruzione delle tessere in conferenza stampa da parte dei consiglieri moderati e liberali Padrin, Marangon, Mainardi e Teso.

«Ciò avviene – commenta Toniolo in una nota – dopo la sigla dell’accordo tra il coordinamento regionale di FI con il candidato Luca Zaia, sostenuto da una Lega, quella di Salvini, spostata estremamente a destra! Significa che i moderati di Forza Italia, ora non esistono più», sottolinea il consigliere. «Noi di Ncd Veneto Autonomo, costituimmo un altro partito già un anno e mezzo fa perché la chiusura del PDL portò a cancellare quell’equilibrio di centro destra che si era realizzato nella fusione tra le realtà moderate, liberali e riformiste e le realtà tradizionalmente di destra come era AN. Ora in Forza Italia del Veneto comanda AN, è evidente!». «Nel Vicentino in particolare un moderato, un liberale o un riformista – conclude Toniolo -, ritrova in Area Popolare il suo riferimento. Di certo non in Forza Italia che ha come esponenti di punta personalità come quella di Elena Donazzan che mai si sono definite moderate!».

Tags:

Leggi anche questo

  • zenocarino

    EWWWWWWIVA i saltafossi, ex democristiani, ex di tutto, che si permettono di dare lezioni. E, pensare che il Toniolo in Regione ci è andato con i voti del PDL e ci è rimasto per 5 anni a fianco di Zaia, senza mai muovere contestazioni. Ora ha trovato forse una “nuova strada, che vorrebbe danneggiare ZAIA e far vincere la Moretti. Ma LUI che ci guadagna?