Centro disabili-birreria, Moretti fa esposto

La candidata del centro sinistra alla presidenza del Veneto, Alessandra Moretti, ha reso noto di aver presentato alla Corte dei Conti di Venezia in merito a presunte irregolarità nella gestione di denaro o patrimonio pubblico per la trasformazione da parte della Cooperativa Sociale Cà della Robinia Onlus di una struttura per disabili, sostenuta da fondi regionali, in locale pubblico, a Nervesa della Battaglia (Treviso).  «Non sono stati ammessi al finanziamento – spiega Moretti nell’esposto – soggetti che pur disponendo di progetti importanti, magari già con tutti i requisiti per la verifica sia degli standard che della programmazione si vedevano attribuire un basso punteggio con un forte arretramento in graduatoria, e questo solo sulla base di una valutazione della commissione del tutto discrezionale».

Moretti chiede «come poteva questa cooperativa, anche vedendosi assegnare 3,4 milioni, il 100% del valore degli immobili e arredi in progetto ed essendo del tutto sguarnita di esperienza, avere la capacità di autofinanziarsi fin da subito per sostenere anche solo i costi accessori dell’acquisto degli immobili (almeno 250.000 per Iva e oneri fiscali connessi all’entità dell’ipoteca da rilasciare) per non parlare degli altri costi per il capitale circolante dell’attività o per attrezzature, automezzi non finanziati dal bando, se il capitale di rischio immesso nell’attività era addirittura di soli 1.400 euro?». Nella nota che accompagna l’esposto Moretti rileva che la Regione ha ritirato ieri il finanziamento di 3,4 milioni alla cooperativa Cà della Robinia: «ha dovuto fare marcia indietro – afferma – Come al solito il governatore chiude la stalla quando i buoi sono scappati. Ormai è diventato un cliché. Dice sempre di non sapere nulla. Mi chiedo: ma dov’è stato negli ultimi cinque anni?».

Tags: , , ,

Leggi anche questo