Italicum, Ginato (Pd): «buona mediazione»

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

«Non è il modello ideale ma, dopo un lungo percorso, l’Italicum è una buona mediazione che ha visto il tentativo di coinvolgere anche pezzi della minoranza come Forza Italia. Un partito che alla Camera è uscito dall’Aula ma che al Senato non aveva avuto problemi a votare proprio questo testo di legge». Così il deputato del Partito democratico Federico Ginato spiega il suo voto favorevole alla legge elettorale approvata in via definitiva alla Camera. Secondo Ginato «non si tratta di una legge costruita senza l’apporto della minoranze ma della volontà di non farsi ricattare per l’ennesima volta da una partito che è nato per cambiare l’Italia e ha rappresentato invece un’ulteriore causa del grave immobilismo che colpisce il nostro Paese. A tutti noi -aggiunge il deputato vicentino – ora la responsabilità di introdurre eventuali correttivi nell’applicazione, ad esempio con le primarie per i capilista e con modifiche nella riforma costituzionale che rafforzino l’equilibrio dei diversi poteri».

L’Italicum «è una riforma necessaria e da troppo tempo attesa e rinviata» aggiunge Ginato, che ricorda anche i miglioramenti apportati al disegno di legge varato dal Governo durante il percorso parlamentare: «modifiche significative e frutto della discussione interna e del lavoro di chi ha saputo dimostrare la possibilità e l’utilità di costruire un altro punto di equilibrio: l’abbassamento delle soglie di sbarramento che consente una rappresentanza parlamentare anche ai partiti più piccoli; l’innalzamento del quorum per l’attribuzione del premio di maggioranza al primo turno; la possibilità degli elettori di esprimere una doppia preferenza (un uomo e una donna)».

Tags: , ,

Leggi anche questo

  • zenocarino

    Dei parlamentari “abusivi”, e lo dice la Corte Costituzionale, non potevano che votare una legge elettorale, senza dare ai cittadini la possibilità di scegliere i candidati. Una legge elettorale che sarà “incostituzionale”, ma ciò sarà deciso tra 2 o 3 anni. Intanto gli abusivi continuano ad approvare leggi, che permetteranno ai Partiti di scegliere quei candidati al Parlamento più rispettosi delle gerarchie ed a governare……..male.