Prodi: «a Venezia una “Fao” dell’acqua»

Dal palco del blindatissimo padiglione Aquae di Marghera, dove teneva la lectio magistralis  che inaugurava la lunga serie di incontri scientifici dedicati all’acqua, Romano Prodi ha spronato Venezia a diventare la casa di una nuova organizzazione mondiale per l’acqua, che si occupi di studiare ed affrontare le problematiche che da un bene così primario possono generarsi.

«Non dobbiamo stupirci -, riporta le parole dell’ex presidente del Consiglio e della Commissione Ue la Nuova Venezia – se nei prossimi anni ci saranno tensioni sempre più forti nei vari paesi per questo problema. Noi abbiamo a Roma la Fao, il punto di riferimento per il cibo. Penso che debba essere proposto un analogo punto di riferimento mondiale per l’acqua. Sarebbe auspicabile averlo a Venezia, o nella pianura padana. E’ ancora un sogno, perché queste cose devono essere portate avanti con un vigore, una dimensione finanziaria ed un accordo politico forte».

Il professore ha spiegato che sono proprio le iniziative di questo genere quelle che un evento come Expo dovrebbe stimolare, favorendo l’accumulo di conoscenze che l’esposizione permette, per occuparsi del problema prima che sia troppo tardi.