Castelguglielmo, «casa rifatta coi fondi? Tutto in regola»

Il sindaco di Castelguglielmo si è presentato come promesso all’incontro con i cittadini per fare chiarezza sul caso emerso negli ultimi giorni di un sospetto abuso dei fondi per riparare i danni causati dal terremoto del maggio 2012 in Polesine. «Ribadisco la mia assoluta serenità – ha detto, secondo quanto riportato dal Corriere del Veneto, il sindaco Giorgio Grassia – la documentazione presentata e il percorso seguito, sono stati pienamente rispettosi delle indicazioni contenute nelle ordinanze del commissario per il sisma, Luca Zaia».

«Se, alla luce di un esposto, vi è una richiesta di chiarezza – ha proseguito Grassia – è doveroso che i soggetti preposti la soddisfino e assumano tutti i provvedimenti di cautela e garanzia. Intanto, attendo con fiducia le risposte dell’ufficio regionale preposto. Nel Comune di Castelguglielmo, i bandi post terremoto sono stati pubblicizzati con la dovuta evidenza e tutti hanno avuto pari possibilità di accedervi. Sono arrivate 27 richieste di cui sette ritenute ammissibili, tra le quali quella che mi riguarda».

Tags: ,