Verona, Gay Pride divide maggioranza

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La maggioranza di Flavio Tosi a Verona si divide sul Gay Pride autorizzato dalla Giunta, che sfilerà a Verona il prossimo 6 giugno. Prevedibile la protesta di Alberto Zelger, ex sostenitore di Tosi, candidato alle Regionali in supporto di Luca Zaia ma ancora interno alla maggioranza nel Comune di Verona, meno quella del vicesindaco Stefano Casali, che, assieme ad altri fedelissimi del sindaco, tra cui il presidente della Seconda Circoscrizione Filippo Grigolini, chiede al sindaco di inserire nel suo programma in vista delle elezioni Regionali: «un deciso contrasto all’ideologia di genere nella cultura, nella scuola e nell’educazione». Il tema delle questioni etiche è riesploso ieri durante la seduta del consiglio comunale. Due consiglieri della Lista Tosi, Giorgio Pasetto e Katia Forte, hanno chiesto ad Alberto Zelger i motivi del suo rifiuto di abbandonare la maggioranza nonostante non concordi su temi centrali, attacco ripreso anche dal consigliere Michele Bertucco del Pd.

Tags: , ,

Leggi anche questo