Pass4Venice: 7 hub e pedaggio per turisti

L’associazione Pass4Venice ha presentato ieri al padiglione Aquae di Marghera la sua proposta per cercare di controllare i flussi turistici, che potrebbe fornire inoltre circa 700 milioni di euro l’anno per la salvaguardia della città. L’idea di Pass4Venice è di creare 7 hub per l’accoglienza dei turisti: via Righi, stazione di Mestre, aeroporto, Punta Sabbioni, Fusina, Chioggia e Venezia lagunare. Tutti dovrebbero transitare per questi spazi e pagare un «pedaggio» per avere accesso alla città e ai suoi servizi, compresi musei e vaporetti.

«Il pagamento va adeguato al numero di presenze: meno persone ci sono, meno si paga», ha spiegato al Corriere del Veneto il portavoce Andrea Casadei. Non sarà facile decollare per il progetto, se pensiamo che già ora molti turisti protestano e presentano esposti all’Ue per gli eccessivi costi dei biglietti per i  vaporetti:  un ticket d’ingresso potrebbe far scoppiare polemiche su scala internazionale. Eppure l’associazione Pass4Venice è convinta della bontà del progetto, tanto da prevedere che, se ci fosse già stato il pass, il Comune avrebbe incassato complessivamente un miliardo e 542 milioni di euro nel solo 2014, che, sottratte le spese, si trasformerebbero in circa 700 milioni netti.