Vicenza, Borin (Pd): pochi esercizi aperti in centro

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di Marco Borin (Pd) sugli orari di apertura degli esercizi commerciali a Vicenza.

Mostre d’arte di livello internazionale, turisti da dentro e fuori Italia ed Europa, festival jazz, Giro d’Italia. Sì, in questi anni Vicenza si sta proponendo come città aperta al mondo e non più come cittadina di Provincia, terra di passaggio tra Verona, Padova e Venezia. Si inizia a sentir parlare inglese, spagnolo, francese e cinese per le vie del centro. Stiamo scoprendo, noi per primi, la bellezza della nostra città e stiamo iniziando a viverla più a fondo. Accanto a tutti gli sforzi che l’amministrazione comunale e i cittadini stanno compiendo per dare un tono internazionale al nostro gioiello Palladiano tramite eventi, associazioni create ad hoc e veri e propri progetti di promozione del territorio, manca però uno sforzo altrettanto efficace da parte di alcune attività commerciali che non garantiscono servizi adeguati.

Risulta difficile, ad esempio, trovare cucine aperte dopo le 14.30 e dopo le 22:30, in centro come fuori, anche nei weekend. Molte gelaterie alle 20:00 chiudono, così come i negozi di abbigliamento e i supermercati, fatta eccezione per alcuni punti vendita di grandi catene ben lontani dal centro storico. È inutile piangersi addosso e lamentarsi dicendo che il centro, molto spesso, è vuoto, se non si creano le condizioni per viverlo e rimanerci per una serata, ad esempio. Unendomi a quanto chiesto, alcuni mesi fa, dal vicesindaco Jacopo Bulgarini D’Elci, credo sia necessario un cambio profondo di mentalità affiancato ad uno sforzo maggiore da parte di quegli esercizi la cui attività rimane ancorata ai classici orari 9:30 – 12:30 e 15:30 – 19:30. Ne vale la pena, stando almeno al successo di quegli esercizi che rimangono aperti oltre le 22 (tanti bar ma anche pizzerie, ristoranti e gelaterie dove, a mezzanotte, c’è ancora la fila di persone ad ordinare qualcosa). Infine un piccolo sogno: l’apertura, per ogni capoluogo di provincia, di un negozio aperto 24 ore su 24, dove si può trovare quasi tutto, dal latte alla birra, dal dentifricio alle pile, dai giornali al bagnoschiuma. Ci sono in tutta Europa, in tutte le medio-grandi città. In Italia no, forse solo a Roma e a Milano. Iniziamo da Vicenza!

Marco Borin – Pd Vicenza

Tags: ,