Vicenza, presidio contro sfratti Peruzzio Industria

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di Sunia, Filtcem e Cgil contro lo sfratto di un ex lavoratore della Peruzzio Industria (Orv) di Piazzola sul Brenta (Vicenza).

Mercoledì 13 maggio, a partire dalle 9.30, a Fontaniva in Piazza Martiri del Lavoro di Marcinelle n. 5, ci sarà un presidio organizzato da Sunia, Filtcem e Cgil per evitare lo sfratto di un ex lavoratore della Peruzzio Industria (Orv) di Piazzola sul Brenta, che rischia di rimanere senza casa insieme alla sua famiglia composta da una bambina piccola e dalla moglie in attesa di una seconda bimba. Si tratta dell’ennesimo tentativo di rendere esecutivo uno sfratto per liberare una delle abitazioni dello stabile di via delle Foibe 6, di proprietà della Orv – Immobiliare veneta srl. Questo accade per l’indisponibilità della proprietà a trattare, nonostante le diverse richieste avanzate e l’interessamento del Comune di Fontaniva e della Prefettura di Padova. Non è l’unico sfratto in corso, altre 5 famiglie si trovano infatti nella stessa situazione, ossia a rischio di restare senza casa dove vivere.

Secondo Michele Brombin (segretario del Sunia), Luca Rainato (Segreteria della Filtcem) e Gloria Berton (Segreteria della Cgil) «siamo di fronte ad un atteggiamento incomprensibile, visto che la ragione per cui gli inquilini che abitano in via Foibe non riescono a pagare regolarmente l’affitto è il licenziamento subito dalla Peruzzo Industria (Orv). Va poi considerato che esclusi gli appartamenti in cui vivono le otto famiglie degli ex dipendenti, tutti gli altri sono vuoti (sono circa 100 gli appartamenti in totale), a testimoniare l’assenza di qualunque urgenza nell’intervenire. Sconcertante infine la circostanza, più volte denunciata, che la società immobiliare in questione ha verso il Comune, tra Ici e Imu, un debito di oltre 200.000 euro. Un debito che certamente pesa sulle casse di un’Amministrazione comunale la quale, come tutti gli enti locali, ha problemi per far quadrare un bilancio sempre più magro a fronte di un numero crescente di richieste di interventi sociali a favore di tante famiglie in difficoltà». Gli organizzatori del Presidio continueranno a difendere i lavoratori finché non sarà trovata una soluzione dignitosa per famiglie con bambini che non possono essere lasciati per strada.

Michele Brombin- Sunia,
Luca Rainato – Filtcem 
Gloria Berton- Cgil

Tags: ,