Venezia, Festival dei Matti: politiche poetiche

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Si terrà dal 29 al 31 maggio a Venezia la sesta edizione del Festival dei Matti, il cui titolo sarà Politiche/Poetiche. Il tema scelto dichiara l’intenzione di ricominciare a sollevare quei sedimenti culturali che restano nelle pieghe dei discorsi, nei saperi diffusi, nei gesti e nelle istituzioni deputate a trattare la follia. Il festival, che gode del patrocinio della Provincia di Venezia e dell’Università Iuav di Venezia, si svolgerà in diversi luoghi della città con presentazioni di libri e dialoghi con autori ma anche con i protagonisti delle battaglie sociali del nostro tempo, e poi reading e spettacoli teatrali dentro la follia, com’è nella tradizione della manifestazione.

Venerdì 29 inaugurerà gli incontri al teatro Malibran don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che dalle 11 parteciperà ad un incontro intitolato “La cittadinanza è terapeutica”. Sabato invece, tra le molte iniziative organizzate nell’ambito del festival, sottolineiamo l’incontro con Massimo Cirri, conduttore della trasmissione radiofonica Caterpillar, presso il Teatrino di Palazzo Grassi, dal titolo “Fumo di carta. Normalità e follia in punta di matita”. Infine, per fare una summa su ciò che sta accadendo sul tema delle pratiche psichiatriche oggi nel nostro Paese, al teatrino Groggia e nel parco dalle 15.30, nella sezione intitolata “Franco Basaglia e dintorni. Le storie che ne vengono”, saranno presentati quattro libri: Alberta Basaglia con il libro Le nuvole di Picasso, Feltrinelli;  Franco Rotelli, L’istituzione inventata pubblicato da Alphabeta Verlag, Giovanna Del Giudice, E tu , slegalo subito…, per Alphabeta Verlag infine Piero Cipriano con Manicomio chimico pubblicato da Elèuthera.

Tags: ,

Leggi anche questo