Rovigo, raccolta rifiuti a rischio

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Ecoambiente, azienda che si occupa dell’igiene pubblica nella provincia di Rovigo, si trova con 35 dipendenti in meno del necessario e rischia di non poter garantire la corretta raccolta rifiuti durante il periodo estivo. A sollevare il problema sono i rappresentanti di Fp-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti-Uil che dovrebbero discuterne già nella giornata di giovedì in un vertice con i dirigenti dell’azienda a partecipazione pubblica che conta circa 300 dipendenti.

«Ci sono 15 lavoratori in meno nell’organico standard – sintetizza Davide Benazzo, segretario Fp Cgil al Corriere del Veneto – a cui si aggiunge l’assenza di notizie sui 20 stagionali che servirebbero per far fronte alla stagione estiva. Il risultato è che i cittadini rischiano di non vedersi garantito il servizio mentre gli addetti, già sottoposti a super-lavoro, rischierebbero anche la beffa del cortocircuito del piano ferie».

«Solleviamo la questione non certo da oggi – ha aggiunto Ottavio Marangoni, sindacalista di Uiltrasporti – . La controparte deve confrontarsi e concertare le soluzioni, nell’interesse dei cittadini che, pagando i tributi, hanno diritto a un servizio adeguato che può esservi solo se i lavoratori hanno strumenti e organizzazione all’altezza delle necessità». Se il tavolo con i dirigenti dovesse saltare ancora è probabile che i sindacati proclameranno lo stato di agitazione.

Tags: ,

Leggi anche questo