Treviso, solo 5% di immobili anti sismici

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

Secondo un’indagine realizzata dal progetto “Azione sismica 9.29”, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Treviso, il 95% delle costruzioni nella pianura di Treviso è privo di qualsiasi criterio anti sismico.  Nella Marca i 45 comuni della Pedemontana, zona inserita a livello di sismicità 2, cioè media, hanno iniziato a costruire con criteri antisismici dalla metà degli anni Ottanta mentre nella pianura trevigiana, che è stata inserita al livello 3 di sismicità bassa, le direttive antisismiche sono state recepite solo 10 anni fa.

«Questo significa – illustra al Corriere del Veneto il responsabile del progetto Roberto Netto – che nelle zone inserite solo di recente in area sismica, gli edifici sono meno adeguati. Sui fabbricati strategici, dalle scuole agli edifici pubblici, sono stati fatti dei miglioramenti e delle verifiche, ma da lì a definirli antisismici ce ne passa. L’importante è individuare gli immobili a maggior rischio e da lì progettare un piano d’intervento: entro il 2009 la Regione doveva raccogliere i dati di tutti gli stabili “sensibili”, come scuole, asili, anche chiese».

Tags: ,

Leggi anche questo