Luxottica, multa da 130 milioni per elusione

Sette amministratori e manager di Luxottica sono accusati di «dichiarazione infedele» per l’elusione di imposte del gruppo dal 2008 al 2013. Tra gli indagati figurano: Andrea Guerra, ex amministratore delegato di Luxottica, da dicembre consulente strategico per il premier Matteo Renzi e futuro ad di Eataly; Enrico Cavatorta, direttore finanziario del gruppo dal 2007 al 2013; Paola De Martini, responsabile fiscale fino al 2013; Andrea Cecchet, transfer price manager dal 2008 al 2013; Marco Vendramini, business development manager; Enrico Mistron, group controller e vice direttore; Omar Pilotto, tax manager Italia fino al 2013.

L’azienda leader mondiale dell’occhialeria ha già saldato allo Stato 129 milioni e 790.713,01 euro su un totale, per cinque annualità, di 300 milioni 156 mila euro circa di imponibile eluso. Il sofisticato meccanismo di elusione al vaglio degli inquirenti è il cosiddetto «transfer pricing», ossia «prezzo di trasferimento». Il sistema ha permesso agli indagati di Luxottica di spostare «volumi imponibili» da un Paese a un altro a fiscalità più vantaggiosa, minimizzando le imposte nelle transazioni commerciali tra società dello stesso gruppo.

Tags: ,

Leggi anche questo