Pollan, “In difesa del cibo”

Non mangiare nulla che la nostra nonna non avrebbe mangiato. In altre parole, cibo vero, meglio se poco, e meglio ancora se verde. Sarebbe semplice, cioè, se non sconvolgesse il credo dell’industria più potente e insostituibile al mondo, quella agroalimentare.

Michael Pollan demolisce, in modo brillante e sempre imprevedibile, una credenza dannosa e ormai diffusissima, e cioè che a renderci più sani e più belli non siano le cose che mangiamo, ma le sostanze che le contengono.

Scopri “In difesa del cibo” in libreria e su galla1880.com

Tags:

Leggi anche questo