Verona, screening metabolico neonatale gratuito

Le malattie metaboliche ereditarie sono un grande insieme di patologie, spesso gravi, che comportano disabilità psico-motoria e, nei casi più seri, la morte e si manifestano nei primi giorni dopo la nascita. Con un prelievo del sangue entro 72 ore dalla nascita è possibile fare una diagnosi precoce e salvare il bambino migliorandone le condizioni di vita.

L’Azienda ospedaliera veronese offre gratuitamente lo screening metabolico ma ha bisogno di fondi. Per questo l’Associazione italiana sostegno malattie metaboliche ereditarie (Aismme) sta promuovendo una campagna nazionale di raccolta fondi dal 20 maggio all’8 giugno attraverso sms solidale al 45593 per finanziare il «Progetto Verona per le malattie metaboliche ereditarie». I fondi raccolti serviranno per l’acquisto di apparecchiature per indagini diagnostiche e per costituire un team sanitario ad alta specializzazione in grado di seguire in modo multidisciplinare bambini e adulti affetti da patologie metaboliche ereditarie. Come testimonial di questa campagna la cantante Noemi ed è previsto un grande concerto il 23 Maggio all’Arena che vedrà sul palco volti noti come Elisa, Francesco Renga e Fiorella Mannoia.

Andrea Bordugo, responsabile Malattie metaboliche ereditarie per l’Unità di Pediatria di Borgo Roma, spiega «Ogni anno analizziamo 40mila campioni di sangue da neonati delle provincie di Verona, Vicenza e Rovigo più altri 20mila che arrivano dal Friuli e dal Trentino Alto Adige. Sapere subito che i piccoli sono affetti da queste malattie ci consente di iniziare col trattamento più adeguato, garantendo loro la possibilità di vivere una vita normale».

Tags: ,