Vicenza, Cub: Variati cambi appalti pulizie

Riceviamo e pubblichiamo il testo della lettera che Maria Teresa Turetta (Cub Vicenza) ha scritto al sindaco Achille Variati sulla gestione degli appalti per le pulizie nei locali comunali.

La pessima gestione delle pulizie dei locali comunali da parte della Coop. Mirror e lo sfruttamento dei lavoratori dipendenti che non sono mai stati pagati regolarmente, cui non sono stati sempre versati i contributi, che hanno subìto una riduzione del proprio orario di lavoro, che sono stati pagati in modo poco regolare per non dire illegittimo in alcune occasione, dovrebbe avere indotto questa amministrazione a cambiare modalità di affidamento dell’appalto di pulizie in scadenza. Non solo, in questi ultimi sei mesi nelle sedi comunali sono successi fatti imbarazzanti come la totale assenza di carta igienica o di salviette per asciugare le mani nei bagni aperti al pubblico e in quelli riservati al personale, così come è lecito pensare che anche i prodotti forniti dalla Mirror per le pulizie dei locali siano assenti o stiano scarseggiando, visto che la Mirror è tenuta a fornire tali prodotti per contratto.

In più oggi apprendiamo che tale servizio peggiorerà con il cambio della ditta appaltante il prossimo fine giugno. Già perchè la ditta ha vinto la gara con un prezzo ridotto del 37%, e ha giustificato tale ribasso con una riduzione dell’orario di lavoro dei dipendenti. Come può essere stata accettata questa condizione dal comune di Vicenza se già ora i dipendenti della Mirror hanno contratti inferiori al minimo di ore settimanalmente previsto? La qualità del servizio non può che peggiorare perchè non è difficile immaginare che se c’è un abbattimento delle ore lavorate c’è anche una corrispondente riduzione delle pulizie. E’ questo che l’attuale amministrazione vuole?

E’ doveroso da parte nostra informarLa che non staremo a guardare: se il comune di Vicenza vuole dare questa pessima immagine di sè, accettando appalti al massimo ribasso, se ne dovrà assumere in toto la responsabilità. Innanzitutto informiamo Lei e la cittadinanza che nelle sedi comunali, in particolare quelle decentrate dove i locali sono utilizzati per la campagna elettorale per serate pubbliche con tanto di passerella di candidati e assessori, per manifestazioni culturali ed altro ancora, i bagni sono sporchi e privi di carta igienica e di salviette. E’ un’immagine squallida della nostra amministrazione che è destinata a peggiorare. I dipendenti comunali e i dipendenti dell’appalto delle pulizie dei locali hanno già solidarizzato e non mancheranno di farsi sentire, anche con azioni eclatanti se saranno necessarie e soprattutto se le cose non miglioreranno da subito.

Maria Teresa Turetta
Cub Vicenza

Tags: ,