Belluno, impianti risalita: a Roma per l’Imu

La questione dell‘applicazione dell’Imu agli impianti di risalita sarà sul tavolo del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio il 29 maggio. A prometterlo è l’Anef, associazione di categoria per gli esercenti funiviari, che avrà l’obiettivo, non semplice, di evitare l’applicazione dell’imposta unica municipale agli impianti montani di discesa e risalita.

«Il fatto – spiega le difficoltà il presidente regionale dell’associazione, Renzo Minella al Corriere del Veneto – è che la Cassazione, con sentenza relativa alla “Sofma” di Arabba, ha affermato che la società non appartiene alla categoria del trasporto pubblico, ma è attività commerciale quindi soggetta all’imposta. Ad oggi, bisogna aprire il portafoglio»

Secondo Minella la sola speranza di evitare l’imposta sarebbe un decreto legge da parte del governo. L’obiettivo dell’associazione non è di evitare tout court il pagamento dell’imposta bensì di pagarla per i soli spazi commerciali (l’ufficio skipass, per portare un esempio) e non sull’intera superficie coperta dall’impianto.

Tags: ,

Leggi anche questo