Belluno, impianti risalita: a Roma per l’Imu

Condividi
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail to someone

La questione dell‘applicazione dell’Imu agli impianti di risalita sarà sul tavolo del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio il 29 maggio. A prometterlo è l’Anef, associazione di categoria per gli esercenti funiviari, che avrà l’obiettivo, non semplice, di evitare l’applicazione dell’imposta unica municipale agli impianti montani di discesa e risalita.

«Il fatto – spiega le difficoltà il presidente regionale dell’associazione, Renzo Minella al Corriere del Veneto – è che la Cassazione, con sentenza relativa alla “Sofma” di Arabba, ha affermato che la società non appartiene alla categoria del trasporto pubblico, ma è attività commerciale quindi soggetta all’imposta. Ad oggi, bisogna aprire il portafoglio»

Secondo Minella la sola speranza di evitare l’imposta sarebbe un decreto legge da parte del governo. L’obiettivo dell’associazione non è di evitare tout court il pagamento dell’imposta bensì di pagarla per i soli spazi commerciali (l’ufficio skipass, per portare un esempio) e non sull’intera superficie coperta dall’impianto.

Tags: ,

Leggi anche questo